Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

Comunicazioni

Progetto “PATENTE SOCIAL”

smartphoneSi invitano i genitori degli alunni frequentanti la nostra scuola a partecipare al progetto "Patente Social", proposto dall‘Associazione Nazionale Polizia di Stato, dal SIULP-Gruppo Distaccamento Bagheria.

La patente social, finalizzata all’uso consapevole dello smartphone, trova il suo fondamento nella legge 71/2017 “Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyberbullismo”. Obiettivo generale verificare le competenze sull’utilizzo corretto del web e dei dispositivi digitali. Le caratteristiche sono identiche a quelle di una reale patente di guida: è rinnovabile, può essere revocata, e viene rilasciata solo dopo aver accertato i requisiti morali e la conoscenza delle regole.

Obiettivi specifici:

  • Spiegare ai genitori le ultime applicazioni e giochi social
  • Aggiornare i genitori sul nuovo linguaggio Social e Game che utilizzano i nostri figli
  • Mettere a conoscenza sui reali pericoli del web
  • Nozioni dal codice penale e civile inerenti ai rischi derivanti dai reati informatici
  • Agevolare la conoscenza reciproca all’interno del gruppo Classe - Genitori
  • Condividere curiosità, informazioni ed esperienze
  • Creare connessioni reali e reciproche

Modalità di attuazione: il calendario degli incontri per genitori, in orario pomeridiano, si concorderà, dopo aver raccolto le adesioni.
Conduttori: Giuseppe Puleo, Dirigente SIULP e ANPS - Associazione Nazionale Polizia di Stato di Palermo; tecnici Informatici, psicologi, pediatri, medici (nutrizionista e dietologo), esperti del settore ed avvocati.

I genitori che vogliono partecipare al progetto possono far pervenire la propria disponibilitrà ai docenti coordinatori della classe frequentata dal/la proprio/a figlio/a.

La referente per l’Educazione alla legalità
Prof.ssa Clementina Castrone