Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

Giornate FAI di primavera - 24 e 25 marzo

FAI 2019 SciannaDomenica 24 e lunedì 25 marzo 2019, si è svolta la XXVII edizione della “Giornata FAI di Primavera”, tradizionale appuntamento in cui in tutta Italia si aprono centinaia di monumenti normalmente chiusi al pubblico, che ha visto coinvolte le classi 2C, 2D e 2I della nostra Istituzione Scolastica, coordinate dalle professoresse Abbate Loredana, Pina Bartolone, Gennaro Loredana, La Tona Rosa e Pecoraro Margherita.

Gli alunni sono stati coinvolti attivamente in un percorso di conoscenza che dall’osservazione e dalla scoperta del loro territorio li ha portati allo studio e all’analisi del patrimonio geologico e naturalistico, con l’obiettivo di ricavarne degli insegnamenti importanti quali la valorizzazione dello stesso, al fine di conservarlo al meglio per la fruizione futura, rendendoli responsabili e rispettosi nei confronti dell’ambiente che li circonda.Gli alunni, opportunamente guidati dalle insegnanti, si sono impegnati a far conoscere e a esaltare le bellezze paesaggistiche del Parco di Monte Catalfano.

Gli alunni delle classi 2D e 2I hanno presentato ai visitatori una serie di elaborati grafici relativi sia alla piante tipiche della macchia mediterranea, come l’alloro, il corbezzolo, la palma nana, sia all’avifauna come il falco pellegrino, il gheppio, la poiana, l’assiolo, il barbagianni e alcuni mammiferi quali la volpe, il coniglio selvatico, l’istrice. Hanno drammatizzato “Il mito di Apollo e Dafne” concepito come racconto naturalistico che spiega l’origine della pianta di alloro in cui Dafne sarà trasformata per sfuggire all’amore di Apollo e hanno recitato con abile maestria una bellissima poesia in dialetto siciliano: “La Ficurinnia, che rappresenta il carattere della gente di Sicilia, così aspro all’apparenza, ma in fondo così pieno per coloro che riescono a conquistarla.
Gli alunni della 2C hanno approfondito l’aspetto geologico e geomorfologico del sito, con approfondimenti sugli “zubbi”, cavità di natura tettonica. Largo spazio è stato riservato all’aspetto naturalistico della flora e della fauna, in particolare alle orchidee selvatiche di notevole bellezza e varietà di forme, alcune delle quali entità esclusive del nostro territorio. I cartelloni esplicativi presentavano una serie di fotografie realizzate dagli alunni stessi durante un sopralluogo sotto la guida di funzionari esperti della forestale.
Gli studenti impegnati nell’iniziativa si sono trasformati in “Apprendisti-ciceroni” per guidare opportunamente il pubblico, dimostrando grande impegno, interesse ed entusiasmo e contribuendo così, alla buona riuscita della stessa.
Lunedì 25 marzo la manifestazione è stata allietata dalla presenza del gruppo dei Tamburinai della “Ciro Scianna”, magistralmente guidati dal Prof. Francesco Baldone, attirando l'attenzione di tutti i visitatori.

Le docenti
Abbate L., Bartolone P., Gennaro L., La Tona R. e Pecoraro M.

ozio_gallery_jgallery