Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

Progetti

Educazione stradale con Peppe Puleo

educazione stradaleNei giorni 10, 21 e 25 maggio si sono svolti gli incontri di educazione stradale abilmente esposti dal Dirigente SIULP della polizia di Stato nonché delegato Gruppo ANPS Bagheria - Associazione Nazionale Polizia di Stato, Giuseppe Puleo.

Il progetto è stato rivolto alle classi terze, ovvero a quei ragazzi che hanno l’età per conseguire il patentino per il ciclomotore. Uno dei punti fondamentali è stato quello di dare agli alunni, non tanto informazioni sul codice della strada, ma strumenti e stimoli per riflettere sul comportamento di ognuno; sui vantaggi e svantaggi dell’uso del motorino e sui potenziali rischi di incidenti stradali e delle loro conseguenze.

Utilizzando un linguaggio semplice ma efficace, Peppe ha attratto l’attenzione dei ragazzi ed ha instaurato un clima sereno e rilassato. Facendo esempi pratici, attraverso delle domande sulle conseguenze dell’errato utilizzo delle cinture di sicurezza, sull’uso/non uso del casco per i motociclisti, è riuscito a coinvolgere gli alunni. Ha, inoltre, illustrato i pericoli della guida in stato di ebrezza o sotto effetto della marijuana che spesso provocano incidenti mortali anche sulle strade di Bagheria. Ha poi proseguito parlando della bicicletta elettrica che, modificata, viene utilizzata come ciclomotore e dei pericoli conseguenti.
Ha soprattutto fatto riflettere sui comportamenti errati, sostenendo che, solo osservando il codice della strada, si avrà la certezza di avere utenti rispettosi delle regole di quest’ultima e quindi vedere scendere significativamente il numero dei morti per incidenti.
Il Dirigente ha saputo toccare la sensibilità e l’emotività degli alunni che sono intervenuti ponendo domande pertinenti.
Questo suo modo di approcciarsi ha reso possibile l’introduzione del principio di responsabilità nei confronti degli altri, rendendo consapevoli i ragazzi della necessità di avere delle regole per muoversi in sicurezza sulle strade.

La docente referente
Prof.ssa Angela Patti